I capolavori del balletto classico: scopriamo "Giselle"

Giselle: Carla Fracci e Rudolf Nureyev Centro Regionale della Danza di Napoli
Giselle debutta il 28 giugno 1841 nel prestigioso Théâtre de l'Opéra di Parigi.

La storia fu scritta da Théophile Gautier, autore del libretto di Giselle, che la concepì dopo essere rimasto affascinato dalla leggenda delle Villi: spiriti della tradizione slava molto simili agli Elfi. Musicato dal compositore  Adolphe-Charles Adam, è un balletto dalla storia coreografica particolare: Jean Coralli era stato designato come coreografo, ma poiché gli autori e il teatro volevano ad ogni costo Carlotta Grisi nel ruolo di Giselle, la ballerina riuscì a ottenere che il suo amato compagno, il ballerino e coreografo Jules Perrot, curasse personalmente i suoi passi.

Fu così che nacque uno dei capolavori assoluti del balletto classico.

Il balletto si compone di due atti.
Nel I atto, ambientato in un villaggio di contadini nella Renania del Medioevo, si vede la giovane Giselle, connotata dalla sua immensa passione per la danza. Il principe di Slesia, Albrecht, travestito da popolano entra in scena e, ingannando Giselle, la convince ad accettare la propria corte.

Lo svelamento dell'inganno avviene quando, a seguito di una battuta di caccia, la corte si rifugia nel villaggio per trovare ristoro; fra questi c'è Bathilde, la promessa sposa del principe Albrecht, e Hilarion, guardiacaccia geloso di Giselle che ha sospettato qualcosa. È proprio lui a smascherare il principe davanti a tutti, spingendo la giovane contadina alla morte.

Il II atto ha luogo presso la tomba di Giselle, dove Hilarion si aggira, preda del senso di colpa, ma presto messo in fuga da presenze soprannaturali. La regina delle Villi convoca Giselle e la invita a unirsi alla sua corte, mentre Hilarion viene inseguito dagli spiriti e costretto a danzare fino alla morte. Lo stesso destino spetterebbe ad Albrecht, ma Giselle lo protegge, danzando per lui tutta la notte. Al mattino le Villi sono costrette a svanire, la vita del principe è salva grazie all'amore di Giselle e il suo spirito può tornare a riposare in pace.

Dal suo primo debutto, Giselle non ha mai lasciato i teatri del balletto.

Nel periodo recente, una delle interpretazioni più ricordate è sicuramente quella di Carla Fracci nel ruolo di Giselle; mentre si ricordano, nel ruolo di Albrecht, Rudolf Nureyev e Roberto Bolle.


#lyceummarafusco #danza #danzaclassica #teatro #balletto #scarpedaballo #ballo #ballerini #danzatori #ballettoclassico #giselle #teatrodellopera #parigi #libretto #carlafracci #rudolfnureyev #robertobolle
Letto 21974 volte
Vota questo articolo
(5 Voti)

Il Lyceum Mara Fusco, fondato 51 anni fa, è una Scuola di danza a Napoli dove si insegna la danza classica accademica, la danza per bambini (danza educazione e pre-danza), la danza moderna e contemporanea, il flamenco, la danza Hip Hop, la tecnica Horton, il pilates, mimo corporeo e recitazione. Ai corsi accademici si affiancano i corsi Open aperti a tutti, le lezioni di danza per esterni e le lezioni per professionisti.

Devi effettuare il login per inviare commenti